C.I.C. Collegio Italiano dei Chirurghi

+39 081 19313816

 

segreteria@collegiochirurghi.it

segreteria@pec.collegiochirurghi.it

Il C.I.C.

Il C.I.C.       

La Carta Istituzionale del Collegio: le regole per affiliarsi

Il Collegio Italiano dei Chirurghi riunisce quasi tutte le Società Scientifiche di Area Chirurgica che complessivamente raccolgono oltre 45.000 Medici di tutte le specialità chirurgiche (chirurghi generali, chirurghi specialisti, ginecologi, ortopedici, otorinolaringoiatri, ecc.), impegnati nelle Università e negli Ospedali pubblici e privati di tutto il territorio nazionale.

insert image

01

Il Collegio non ha solo finalità di aggiornamento scientifico ma vuole essere anche organo di riferimento politico-sindacale delle società che ad esso aderiscono.

02

Il Collegio si propone di gestire i rapporti delle Società scientifiche che esso rappresenta con le Istituzioni sanitarie pubbliche e private.

03

Il Collegio si propone come interlocutore privilegiato della Federazione nazionale dell’Ordine dei Medici, per la tutela dei diritti della categoria, sulla base dei principi della deontologia medica.

04

Il Collegio intende riaffermare la dignità professionale dei Medici impegnati nella quotidiana attività chirurgica.

05

Il Collegio si propone come garante dei rapporti con le Associazioni con le quali intende condurre iniziative di divulgazione scientifica e di politica sociale.

06

Il Collegio vuole riconquistare e consolidare il rapporto di fiducia con i Cittadini, proponendosi, altresì, come garante della corretta diffusione di notizie sulla stampa medica e generalista.

07

Il Collegio vuole diventare punto di riferimento nella gestione delle controversie Medico-Legali della Categoria, proponendo una revisione e un adeguamento degli Albi Periti-CTU.

08

Il Collegio si propone di partecipare alla valutazione dell’avanzamento di carriera dei Medici.

09

Il Collegio vuole restituire alla figura del Medico la centralità nella gestione delle Strutture assistenziali.

10

Il Collegio intende intervenire per modificare gli attuali meccanismi di valutazione delle Strutture Sanitarie nazionali.